L’invidia, la gelosia e le chiacchiere!

prima_2L’invidia, la gelosia e le chiacchiere possono dividere e distruggere una comunità cristiana. Lo ha ricordato questa mattina Papa Francesco durante l’omelia dettata nella casa di Santa Marta in Vaticano. “Una comunità cristiana, quando soffre di invidia, di gelosia, finisce divisa: uno contro l’altro”. Il Pontefice prosegue nella sua riflessione ricordando il veleno e l’amarezza che scaturiscono nel cuore di chi coltiva tali sentimenti: “La persona invidiosa, la persona gelosa è una persona amara: non sa cantare, non sa lodare, non sa cosa sia la gioia, sempre guarda «che cosa ha quello ed io non ne ho». E questo lo porta all’amarezza, un’amarezza che si diffonde su tutta la comunità. Sono, questi, seminatori di amarezza. E il secondo atteggiamento, che porta la gelosia e l’invidia, sono le chiacchiere. Perché questo non tollera che quello abbia qualcosa, la soluzione è abbassare l’altro, perché io sia un po’ alto. E lo strumento sono le chiacchiere. Cerca sempre e vedrai che dietro una chiacchiera c’è la gelosia e c’è l’invidia. E le chiacchiere dividono la comunità, distruggono la comunità. Sono le armi del diavolo”. Non sono parole e situazioni a noi sconosciute; tutti, infatti, ne abbiamo fatto probabilmente esperienza, o perché vittime o in qualità di veri e propri ispiratori! Si ha quasi l’impressione che, in detepapa_francrminate circostanze, ci sia persino il diabolico gusto di generare calunnie, gelosie ed invidie. Quante belle comunità cristiane – conclude il Papa, nel testo riportato da Radio Vaticana – procedevano bene, ma poi in uno dei membri è entrato il verme della gelosia e dell’invidia e, con questo, la tristezza, il risentimento dei cuori e le chiacchiere. “Una persona che è sotto l’influsso dell’invidia e della gelosia – ribadisce – uccide”, come dice l’apostolo Giovanni: “Chi odia il suo fratello è un omicida”. E “l’invidioso, il geloso, incomincia ad odiare il fratello”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *