NOBELL


Sono tre gli spazi simbolici presenti nella vita domestica della famiglia rilevati dal presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, card. Gianfranco Ravasi, nel corso della prima giornata del VII Incontro Mondiale delle Famiglie che si è recentemente svolto a Milano. Tre stanze che fanno parte del nostro tessuto sociale e attraverso le quali ci è possibile riflettere.

Le 3 stanze della vita domestica


“Signore, come sono dolci le vostre vie! Ma chi vi camminerà senza timore? Temo di non sapervi servire. Quando mi metto a servirvi, non trovo nulla che mi soddisfi per pagarvi almeno in qualche cosa il molto che vi devo. Mi sembra che vorrei consacrarmi tutta al vostro servizio, ma considerando attentamente la mia miseria, sento di non saper far […]

Timor di Dio


Su quali fondamenta era strutturata la vita delle prime comunità cristiane? Quali erano le loro principali occupazioni? Quali le attività riservate alla formazione del singolo credente? Diciamo subito che il cristiano vive la propria esperienza di fede in compagnia di altri uomini, dentro una comunità (la Chiesa) che lo custodisce nel rapporto con Cristo e con i fratelli. Tale vocazione […]

I primi giorni di cristianesimo



“Nostro Signore, sposando la povertà, ha talmente elevato il povero in dignità, che non lo si farà più scendere dal suo piedistallo. Gli ha dato un antenato, e che antenato! Gli ha dato un nome, e che nome!” (G. Bernanos). Nelle parole del celebre scrittore francese, Georges Bernanos, e nel pensiero teologico della Chiesa il povero è l’icona rappresentativa di […]

Ricchezza infinita e divina povertà


Madeleine Delbrêl (1904-1964) è considerata una delle figure più rappresentative del rinnovamento post-conciliare. Essa venne definita come “una donna preparata da Dio per trent’anni a farci vivere il post-concilio” (J. Loew). La sua attività, infatti, si svolge alcuni decenni prima del Concilio Vaticano II, prima ancora cioè che venisse avviato quel rinnovamento ecclesiale destinato a coinvolgere tutta la Chiesa, e […]

“Pregando ho creduto che Dio mi trovasse”. Profilo laico di ...


La Chiesa, fatta di santi e di peccatori, per qualcuno è troppo ascetica, per altri rigorosa. Per i cristiani protestanti la Chiesa è troppo attaccata alle tradizioni, per gli ortodossi lo è troppo poco. “E la litania – scrive il teologo H. U. von Balthasar – potrebbe continuare a snocciolarsi all’infinito. Chi guarda la Chiesa di prospetto, si lamenta di […]

Il cristiano vive nell’impegno di Dio



Madre Teresa di Calcutta diceva che: “L’amore comincia a casa, e per questo è importante pregare insieme. Se pregate insieme, starete insieme e vi amerete come Dio ama ciascuno di voi”. Nel momento in cui, infatti, la preghiera non è più il fondamento della vita familiare può accadere di tutto. Continua a leggere qui.

Lavori in corso!


Con lo sguardo rivolto al maestoso portale della Cattedrale di San Ciriaco ad Ancona, al termine del suo ventiquattresimo Viaggio Apostolico in Italia, Papa Ratzinger adopera la metafora della bellezza per rivolgersi alle famiglie e ai sacerdoti che hanno preso parte al XXV Congresso Eucaristico Nazionale. “Nel varcare il maestoso portale – afferma il Pontefice – l’animo rimane affascinato dall’armonia […]

Metafora della bellezza per famiglie, sacerdoti e fidanzati


Nella vita di ogni uomo – e in modo particolare in quella dei più giovani – il desiderio di infinito si percepisce, talvolta, attraverso le domande che riguardano il senso da dare alla propria esistenza. Ci rendiamo conto che nessun bene finito può saziare il desiderio di eternità presente nel cuore umano, e solo Dio – nella concreta esperienza della […]

Fissatolo lo amò



Le parole che Papa Benedetto XVI ha rivolto in questi giorni alle famiglie, durante il Viaggio Apostolico in Croazia, sono un importante monito per tutti. ‘Nella società odierna – afferma il Pontefice – è più che mai necessaria e urgente la presenza di famiglie cristiane esemplari. Purtroppo dobbiamo constatare, specialmente in Europa, il diffondersi di una secolarizzazione che porta all’emarginazione […]

Il Papa: “care famiglie, siate coraggiose!”


S. Kierkegaard affermava: “Che il Cristianesimo ti è stato annunciato significa che tu devi prendere posizione di fronte a Cristo”. In molti hanno dimenticato cosa significa prendere posizione di fronte a Cristo, anche chi afferma di essere cristiano. Qualcuno, oggi, preferisce mantenere un atteggiamento neutrale di fronte a tutto. Per non dispiacere nessuno si sceglie il silenzio, optando così per […]

Un cristianesimo vivo e totalizzante


E’ proprio il caso di dirlo: “Errare humanum est, perseverare autem diabolicum”  (Commettere errori è umano, ma perseverare [nell’errore] è diabolico). La locuzione latina appena proposta (solitamente utilizzata per attenuare un errore commesso da qualcuno) vuole riferirsi all’increscioso errore di traduzione (secondo le fonti ufficiali) commesso nell’edizione italiana di Youcat, il sussidio al Catechismo della Chiesa Cattolica destinato ai giovani […]

Errare humanum est?



‘Alcune persone mi dicono che il catechismo non interessa la gioventù odierna; ma io non credo a questa affermazione e sono sicuro di avere ragione. Essa non è così superficiale come la si accusa di essere; i giovani vogliono sapere in cosa consiste davvero la vita’. Sono le parole che Papa Benedetto XVI rivolge ai giovani nella prefazione a Youcat […]

Il Papa non ha dubbi: “Studiate il catechismo con passione ...


Con la schiettezza e la fermezza di sempre, Papa Benedetto XVI rivolge, in questi giorni, un importante discorso ai rappresentanti della Pontificia Accademia per la Vita. L’argomento trattato riguarda il disagio psichico (definito sindrome post-abortiva) sperimentato spesso dalle donne che hanno fatto ricorso all’aborto volontario; un’esperienza questa – chiarisce il Pontefice – che ‘rivela la voce insopprimibile della coscienza morale, […]

A quanti vorrebbero negare l’esistenza della coscienza morale nell’uomo


Nel 1968 – quando era ancora cardinale – Joseph Ratzinger scrisse un libro dal titolo “Introduzione al cristianesimo” divenuto in brevissimo tempo un punto di riferimento teologico circa il discorso della fede cristiana. In questo testo (giunto oggi alla dodicesima ristampa) Ratzinger introduce il primo capitolo dal titolo: “E’ ancora possibile credere nel mondo attuale?” raccontando un celebre apologo di […]

Che tipo di cristiano sei?



Padre Pino Puglisi – il sacerdote ucciso a Palermo dalla mafia il 15 settembre del 1993 – alla parola “prete” preferiva utilizzare il termine “presbitero”. Era un’espressione, questa, a cui il Parroco di Brancaccio era particolarmente legato e che non smetteva di contemplare anche solo pronunciandone il nome. Il senso di quella parola (presbitero) era fondamentale (lo si capiva dai […]

I sacerdoti sono ancora tanti!


“Avevo fame. Il mio corpo aveva fame. La mia carne viva, come milioni di bocche folli, cercava di divorare fin le più piccole briciole di piacere raccolte ai margini della mia strada.  Il mio spirito aveva fame. Per nutrirlo, raccoglievo alla rinfusa tutte le idee che vagavano nei libri, nelle immagini, nelle parole sulle bocche degli uomini, ma la mia […]

L'infinito di cui l'uomo ha bisogno può venire soltanto da ...


Due persone che si amano davvero possono, anzi devono chiedersi: “perché stiamo insieme?”. Non è una domanda retorica e la risposta per niente scontata! Cercare di comprendere le motivazioni e le ragioni che tengono unite due persone innamorate non è poi un’idea così tanto assurda! La possibilità di inoltrarsi seriamente nella profondità del proprio rapporto, per cercare di comprendere il […]

Vorrei poterti amare come ti ama Dio!



‘Il mondo dei media è attraversato da una profonda trasformazione anche al proprio interno’. Lo ha ricordato, in questi giorni, Papa Ratzinger ricevendo in Udienza i partecipanti al Congresso sulla Stampa Cattolica promosso dal Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali. ‘Oggi, – prosegue il Pontefice – nella comunicazione ha un peso sempre maggiore il mondo dell’immagine con lo sviluppo di sempre […]

Giornalismo, spettacolo o verità!


Ho terminato da qualche ora – colmo di entusiasmo – la lettura de Il tempo breve (Garzanti 2010) un libro di Marco Niada, giornalista e firma storica del quotidiano “Il Sole 24 Ore”. Titolo e sottotitolo – Il tempo breve. Nell’era della frenesia: la fine della memoria e la morte dell’attenzione. – rivelano subito i contenuti essenziali che l’Autore è […]

Il tempo breve