E’ ancora “emergenza educativa”

donna_madreIl figlio partecipa, incappucciato, alle violente proteste a Baltimora per l’uccisione dell’afroamericano Freddy Gray. La madre, Toya Graham, lo riporta a casa con decisione, a suon di schiaffi! In Italia – scrive giustamente Mario Sconamila per il Corriere della sera – una reazione simile «sarebbe probabilmente al centro di dispute dialettiche, con tanto di favorevoli e contrari, prese di posizione di sociologi ed educatori, dibattiti televisivi, nonché di improbabili pedagoghi buoni per tutte le circostanze».

L’intervista – realizzata ieri da TGCom24 – del giovane che ha partecipato alla guerriglia urbana a Milano contro l’Expo lascia letteralmente sbigottiti. «Spaccare tutto è giusto» – dice il giovane – «Avrei voluto avere qualcosa in mano per spaccare qualcosa… però è stata una bella esperienza».

Grazie a Dio esistono ancora mamme come la sig.ra Toya Graham che ci fanno ricordare il compito educativo e la responsabilità a cui siamo tutti chiamati, anche con qualche “sano” e “terapeutico” ceffone!

Quando Papa Benedetto XVI, nel 2008, parlava di “emergenza educativa” c’era chi minimizzava e considerava le parole del pontefice eccessive. E invece! «Man mano che il bambino cresce, – affermava Papa Ratzinger – diventa un adolescente e poi un giovane; dobbiamo dunque accettare il rischio della libertà, rimanendo sempre attenti ad aiutarlo a correggere idee e scelte sbagliate. Quello che invece non dobbiamo mai fare è assecondarlo negli errori, fingere di non vederli, o peggio condividerli, come se fossero le nuove frontiere del progresso umano. L’educazione non può dunque fare a meno di quell’autorevolezza che rende credibile l’esercizio dell’autorità. Essa è frutto di esperienza e competenza, ma si acquista soprattutto con la coerenza della propria vita e con il coinvolgimento personale, espressione dell’amore vero. L’educatore è quindi un testimone della verità e del bene: certo, anch’egli è fragile e può mancare, ma cercherà sempre di nuovo di mettersi in sintonia con la sua missione».

Lettera di Papa Benedetto XVI sul compito urgente dell’educazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *