Gli “occhi chiusi” della Sindone

sindoneSi può “chiudere un occhio”, o tutti e due, per svariati motivi. Talvolta si fa persino finta di non aver visto, per mantenere una certa discrezione o per non compromettere gli equilibri tra le persone, evitando allo sguardo di esprimere un giudizio. A tal proposito, e a proposito della Sindone, lo scrittore francese, Dominique Lapierre, scriveva: «Se ha gli occhi chiusi, è per vederci meglio. È anche perché noi lo possiamo guardare meglio. Forse non oseremmo, se avesse gli occhi aperti. Perché i nostri occhi non sono occhi puri, e neanche i nostri cuori, e noi siamo in gran parte responsabili delle sue sofferenze. Se soffre, è a causa mia, tua, a causa di noi tutti. A causa dei nostri peccati, del male che facciamo. Ma lui ci ama talmente che ci perdona. Vuole che lo guardiamo. Ecco perché chiude gli occhi. E i suoi occhi chiusi mi invitano a chiudere anche i miei, a pregare, a guardare Dio dentro di me e anche dentro di te. E ad amarlo. E a fare come lui, a perdonare tutti, e ad amare tutti. Ad amare soprattutto quelli che soffrono come lui. Ad amare te che soffri come lui» (La città della gioia).

Oggi inizia l’ostensione della Sindone – esposta a Torino nella Cattedrale di San Giovanni Battista fino al 24 giugno –, il misterioso lenzuolo su cui è rimasta impressa l’immagine di un uomo (per la Chiesa si tratta di Gesù il Cristo) con i segni della passione e della crocifissione. Durante questo periodo proveremo, di tanto in tanto, ad offrire qualche spunto per la riflessione, in questa temporanea rubrica sulla Sindone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *