Con i “falegnami” ci vuole pazienza!

prima_2«Sai, con questi falegnami bisogna avere pazienza: dicono che ti faranno un mobile in due settimane, poi magari ci mettono un mese. Ma te lo fanno, e lavorano bene! Solo bisogna avere pazienza…». L’autore di questa citazione è Papa Francesco, e il falegname in questione San Giuseppe. Il Pontefice latinoamericano nutre, infatti, nei riguardi di San Giuseppe una particolare devozione, che lo porta – come ben spiegato da Andrea Tornielli su Vatican Insider – ad infilare sotto un’antica statua del Santo Falegname dei biglietti con le intenzioni di preghiera e le richieste d’intercessione scritte dal Papa stesso.

“La statua di san Giuseppe che sta sulla porta dell’abitazione di Francesco – riferisce Tornielli – è di legno, lunga una quarantina di centimetri e raffigura il santo con abiti di color verde scuro e rosso, con decori dorati, nello stile dell’iconografia ispanoamericana. Giuseppe è disteso è sta dormendo. Un riferimento evangelico: è infatti sempre in sogno che il padre putativo di Gesù riceve i messaggi dal cielo che lo rassicurano prima su Maria e sul nome da dare al Bambino, e poi lo avvertono del pericolo rappresentato da Erode provocando la fuga in Egitto. Una statua simile Bergoglio ce l’aveva anche nella stanza occupata per diciotto anni al Collegio Maximo di San Miguel, dov’è stato rettore e dove ha abitato anche da provinciale dei gesuiti. Il san Giuseppe dormiente che conservava in curia a Buenos Aires è una delle poche cose che il Papa ha voluto far arrivare dall’Argentina dopo l’elezione: durante il viaggio si è staccata la testa, che Bergoglio ha provveduto a riattaccare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *