Guardare la Chiesa con gli occhi dell’amore

p_ratRicorre oggi il primo anniversario dell’annuncio di Benedetto XVI sulla sua rinuncia al ministero petrino. “Oggi – ha detto Papa Francesco su Twitter – vi invito a pregare insieme con me per Sua Santità Benedetto XVI, un uomo di grande coraggio e umiltà”. Ricordiamo questo grande Pontefice con una breve citazione tratta da una conferenza, dettata quando era ancora Cardinale.

“Senza una certa quantità di amore non si trova nulla. Chi non si inoltra almeno per un pò e con sentimenti benevoli sulla via della fede, chi non accetta di fare un’esperienza personale della chiesa e non affronta il rischio di guardarla con gli occhi dell’amore, non scoprirà altro che motivi di stizza e di rabbia. Il rischio dell’amore è condizione preliminare per giungere alla fede. Chi lo osa, non ha bisogno di nascondersi nessuna delle debolezze della chiesa, perché scopre che essa non si riduce soltanto a queste, perché si accorge che accanto alla storia degli scandali c’è anche quella della fede forte ed intrepida, incarnatasi lungo tutti i secoli in figure meravigliose, come Agostino, Francesco d’Assisi, il domenicano Las Casas infaticabile apostolo degli indios, Vincenzo de’ Paoli e Giovanni XXIII. Chi affronta questo rischio dell’amore scopre che la chiesa ha proiettato nella storia un fascio di luce tale da non poter essere dimenticato” (Joseph Ratzinger, Perché sono ancora nella Chiesa, Ed. Queriniana).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *