La bicicletta appoggiata al muro!

bici“«Andate…», dici a ogni svolta del Vangelo. Per essere con Te sulla Tua strada occorre andare anche quando la nostra pigrizia ci scongiura di sostare. Tu ci hai scelto per essere in un equilibrio strano. Un equilibrio che non può stabilirsi né tenersi se non in movimento, se non in uno slancio. Un po’ come in bicicletta che non sta su senza girare, una bicicletta che resta abbandonata contro un muro finché qualcuno non la inforca per farla correre veloce sulla strada” (Madeleine Delbrêl).

La riflessione odierna è tratta dagli scritti di Madeleine Delbrêl (1904-1964), una giovane contemplativa francese definita dal cardinal C.M. Martini “una delle più grandi mistiche del XX secolo”. E’ davvero suggestiva l’immagine della bicicletta che la Delbrêl utilizza per aiutarci a comprendere l’equilibrio legato alla nostra fede, un equilibrio che non può stabilirsi né tenersi se non in movimento, se non in uno slancio. Per “andare”, infatti, incontro a Cristo – come a più riprese sottolinea il Vangelo –, sulla Sua strada, con Lui è necessario uno slancio capace di mettere in movimento tutta la nostra esistenza, talvolta frenata dall’indolenza e dalla pigrizia.
Una bicicletta mantiene l’equilibrio solo se il conducente, pedalando, inizia a muoversi. L’esperienza della fede, il nostro appartenere a Cristo, la vita nella Chiesa, sono realtà che possono essere comprese e vissute solo se si è “in movimento”. La nostra fede, pertanto, come una bicicletta, non può rimanere appoggiata al muro!

2 thoughts on “La bicicletta appoggiata al muro!

  1. Madeleine Delbrêl la conosco, è veramente un grande mistica.
    Questa della bicicletta non la sapevo. Per inforcare la bicicletta
    bisogna avere benzina nella gambe e nell’anima, quindi Messa, consessione,
    sacramenti.
    grazie sempre
    luisa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *