L’elemosiniere del Papa e dei poveri

prima_2Konrad Krajewsky, elemosiniere del Papa, continua a svolgere quel particolare ministero che il Pontefice latinoamericano gli ha chiesto di rivolgere ai poveri, ai barboni e senza fissa dimora della città di Roma. Insieme agli operatori della comunità di Sant’Egidio mons. Krajewsky ha celebrato una Messa nella Basilica romana di Santa Maria in Trastevere alla presenza di centinaia di poveri. Poi durante l’omelia ha detto loro: “Questa mattina, prima di uscire di casa per venire qui da voi – ha affermato – ho salutato Papa Francesco dicendogli che sarei venuto a celebrare questa Messa”. “Mi ha ascoltato e poi ha detto: non potrò essere lì, ma dì a tutti che gli mando un abbraccio forte, forte, forte!”. Per tanti indigenti questa è una particolare giornata. Da trent’anni, infatti, si ricorda Modesta Valenti, morta vicino alla stazione Termini nel 1983 all’età di 71 anni. La donna non venne soccorsa perché sporca! Durante la Messa sono stati ricordati anche i nomi di tante altre persone vissute e morte in estrema povertà. Poi – terminata la funzione – un grande pranzo per tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *