Felici che l’altro esista!

amori“La persona… è il Bene che svetta su tutti i beni, perché non può mai essere posseduta: può solo donarsi. L’uomo si trova davanti al bene più grande che ci sia in natura e non può dire: «Io ti voglio!», ma soltanto: «Tu mi vuoi?». Alla persona amata non si può dire nemmeno: «Io ho bisogno di te!» (se non umilmente, come una preghiera, senza pretesa), ma solo: «Come sono felice che tu ci sia!»” (Antonio Maria Sicari).

Una simile osservazione riguarda un po’ tutti. La possono condividere, in modo particolare, due giovani innamorati o chi è unito dal sacramento del Matrimonio e permettere che queste parole diventino in qualche modo un progetto da custodire e da seguire per tutto il tempo dell’amore (cioè “per sempre”). Ma anche per Madre Teresa di Calcutta (solo per fare un esempio), la persona era il Bene che svetta su tutti i beni, il bene più grande che le permetteva di incontrare Cristo ogni giorno nel volto del più misero dei senzatetto!
La Carità (cioè l’essere amati dell’amore di Dio), di cui tutti abbiamo bisogno, deve diventare a poco a poco il centro del nostro vero interesse. In qualsiasi parte del mondo, a lavoro, in famiglia, tra amici… dobbiamo fare in modo di essere felici che l’altro esista!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *