L’ultima carezza

prima_2Durante il sonno, in una notte gelida, con un cappotto logoro sulle spalle e qualche pagina di giornale come coperta. E’ morto così un clochard, nella gloriosa città di Roma, uno dei tanti poveri che – per scelta o per necessità – decidono di abitare le strade delle nostre città a tempo indeterminato, accarezzando – magari nel sogno di una notte – la speranza di una vita migliore.
Non appena Papa Francesco ha appreso la triste notizia si è subito ritirato in preghiera, offrendo a quella creatura di Dio, preziosa e da Lui amata come ogni uomo sulla faccia della Terra, l’ultima carezza della nostra umanità… povera e spesso disattenta ai bisogni di chi è privo del necessario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *