Il Papa ai giovani piacentini: “Andate avanti, fate rumore”

Un breve discorso, dettato a braccio da Papa Francesco, infiamma il cuore di 500 giovani della diocesi di Piacenza-Bobbio, in pellegrinaggio a Roma in occasione dell’Anno della Fede. Un piccolo fuori programma – rispetto agli altri impegni del Pontefice – organizzato da mons. Gianni Ambrosio, il vescovo di Piacenza, che ha chiesto (si legge su Zenit) al Santo Padre di chiudere queste bella esperienza con un’udienza privata con i pellegrini. E il Papa, come sempre, non si è tirato indietro, ma anzi ha risposto: “Lo faccio con piacere”.

Quando Papa Francesco raggiunge l’Altare della Cattedra della Basilica Vaticana – e i volti ancora increduli dei pellegrini costatano la reale presenza del papa in mezzo a loro – l’entusiasmo diventa palpabile e contagioso. Papa Francesco prova a salutare tutti, riceve piccoli doni, e una ragazza dribla con successo gli uomini della sicurezza per consegnargli personalmente una lettera.
Quando il Pontefice inizia il suo discorso rivela ai presenti di aver compiuto in quella circostanza un piccolo gesto di «egoismo», “perché – spiega – mi piace stare con voi! (…) Perché a me piace stare con i giovani? Perché voi avete dentro il vostro cuore una promessa di speranza. Voi siete portatori di speranza. (…) Voi, è vero, vivete nel presente, ma, guardando il futuro… voi siete artefici di futuro, artigiani di futuro”.

C’è chi, talvolta, si ostina a rileggere il passato (quando una modesta povertà generava stili di vita migliori) per provare ad esorcizzare il presente, indebolito dalla crisi economica, dalla crescita della disoccupazione e dal disfacimento dei valori principali della vita di ogni uomo. Papa Francesco – che proviene da un Paese dove la povertà è rimasta tale e quale rispetto agli eccessi della ricchezza – invita i giovani a diventare «artigiani di futuro», perché oggi non è vero che non si può fare niente se abbiamo ancora il desiderio di scommettere su grandi ideali.

Dentro ciascuno di voi – prosegue Francesco – ci sono tre grandi “voglie”: quella della bellezza che riesce ad esprimersi nelle cose che facciamo incoraggiandoci a diventare “ricercatori di bellezza”, la bontà che può spingerci verso l’altro fino a diventare “profeti di bontà”, la sete di verità che ci spinge a cercarla “perché la verità non si ha, non la portiamo, si incontra. E’ un incontro con la verità, che è Dio, ma bisogna cercarla”. Sono queste tre “voglie” che possono farci attraversare il futuro, bisogna così – ricorda il Papa – “scommettere su un grande ideale, l’ideale di fare un mondo di bontà, bellezza e verità. Questo, voi potete farlo, voi avete il potere di farlo. Se voi non lo fate, è per pigrizia”.

“Andate avanti, fate rumore”, aggiunge Papa Francesco, “dove sono i giovani deve esserci rumore. Poi, si regolano le cose, ma l’illusione di un giovane è fare rumore sempre. Andate avanti! Nella vita ci saranno sempre persone che vi faranno proposte per frenare, per bloccare la vostra strada. Per favore, andate controcorrente. Siate coraggiosi, coraggiose: andare controcorrente”. Il Pontefice diventa ancora più esplicito invitando i giovani a dire di no con coraggio, alla droga e all’alcol andando controcorrente “a questa civilizzazione che ci sta facendo tanto male. (…) E questo significa fare rumore, andare avanti, ma con i valori della bellezza, della bontà e della verità”. Al termine del suo applaudito discorso, dopo aver recitato la preghiera dell’Ave Maria e indicato la Madonna come la donna da cui è possibile attingere il coraggio, Papa Francesco chiede una preghiera anche per lui e per il suo lavoro che scherzosamente definisce  “insalubre”, – dice ridendo – non fa bene!

“È stata davvero una bella festa. – dichiara  mons. Gianni Ambrosio  al termine dell’incontro – il Papa si è mostrato proprio contento di incontrare tanti giovani e i nostri ragazzi hanno lasciato San Pietro pieni di gioia. (…) Papa Francesco ci ha invitato a cercare sempre bellezza, bontà e verità per costruire con coraggio un mondo migliore”.

Scritto per Korazym.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *