I consigli di “nonno” Benedetto XVI

Nessun particolare trasferimento estivo per Papa Francesco che trascorrerà i caldi giorni di agosto nella Casa Santa Marta in Vaticano. Una scelta probabilmente dettata da uno stile di vita già collaudato a Buenos Aires nelle vesti di cardinale Arcivescovo. La trasferta in Brasile, in occasione della XXVIII Giornata Mondiale della Gioventù, ha ulteriormente incrementato – e per certi versi confermato – il numero dei consensi che ruotano attorno alla figura di questo Papa, del quale stiamo imparando a conoscere le “normali” abitudini di vita quotidiana.

Immaginiamo, per esempio, che al suo rientro in Vaticano da Rio de Janeiro – dopo aver riposto il rasoio nella mensolina della toilette, l’agenda nel cassetto della scrivania, il breviario e il libro di santa Teresina nel comodino della camera da letto, e la borsa di cuoio nera nell’armadio – si sia recato in visita da “nonno” Benedetto XVI per raccontargli le emozioni vissute, in un clima di familiare cordialità, e non è escluso che gli abbia portato anche in dono un souvenir dal Brasile. Papa Francesco stesso, di Benedetto XVI dice: “per me è come avere il nonno saggio in casa. Quando in famiglia c’è il nonno, è venerato ed è ascoltato… è il mio papà. Se ho una difficoltà posso andare a parlargli, come ho fatto per quel problema grosso di Vatileaks”. Questa particolare attestazione di stima nei confronti del Pontefice emerito – annunciata da Papa Francesco ai giornalisti nel volo di ritorno dal Brasiele – ci è sembrata una rivelazione importante e un ulteriore supporto al difficile compito che un papa è chiamato a svolgere nel corso del suo ministero petrino, e che altri pontefici non hanno avuto. Forse, per alcuni, Ratzinger rappresenta una presenza scomoda, non è così per Papa Francesco che trova in lui un sapiente interlocutore e un attendibile conoscitore delle strutture vaticane, un ulteriore ausilio per il non semplice governo della Chiesa.

Un’amicizia, insomma, che può solo portare giovamento alla nostra Chiesa. “Fare il lavoro di vescovo è una cosa bella. Il problema – ricordava ancora Papa Francesco ai giornalisti – è quando qualcuno cerca quel lavoro, questo non è tanto bello. C’è sempre il pericolo di pensarsi un po’ superiori agli altri, di sentirsi un po’ principe. Ma il lavoro di vescovo è bello: deve stare davanti ai fedeli, in mezzo ai fedeli e dietro ai fedeli. Facendo il vescovo a Buenos Aires sono stato felice. Ero tanto felice. E come Papa? Anche. Quando il Signore ti mette lì, se tu accetti di fare quello che il Signore ti chiede, sei felice”.

Scritto per Korazym.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *