La strategia del “ficcanaso”!

pettegolezziPapa Francesco durante la Messa mattutina celebrata nella Casa Santa Marta detta una breve riflessione sull’antichissima pratica di “mischiarsi nella vita degli altri”, spesso esercitata – come precisa il Papa – attraverso due modalità: “la comparazione”, il “compararsi con gli altri” capace di generare amarezza e invidia, e “l’invidia arrugginisce la comunità cristiana”, e, attraverso le chiacchiere prima educate e poi capaci di “spellare il prossimo”.

Il Pontefice afferma: “Quanto si chiacchiera nella Chiesa! Quanto chiacchieriamo noi cristiani! La chiacchiera è proprio spellarsi eh? Farsi male l’un l’altro. Come se si volesse diminuire l’altro, no? Invece di crescere io, faccio che l’altro sia più basso e mi sento grande. Quello non va! Sembra bello chiacchierare… Non so perché, ma sembra bello. Come le caramelle di miele, no? Tu ne prendi uno – Ah, che bello! – e poi un altro, un altro, un altro e alla fine ti viene il mal di pancia. E perché? La chiacchiera è cosi: è dolce all’inizio e poi ti rovina, ti rovina l’anima! Le chiacchiere sono distruttive nella Chiesa, sono distruttive… E’ un po’ lo spirito di Caino: ammazzare il fratello, con la lingua; ammazzare il fratello!”.

Ecco perché – ricorda Papa Bergoglio – Gesù fa con noi come aveva fatto con Pietro quando lo riprende dicendogli: “A te che importa? Tu segui me!” Il Signore davvero ci “segnala la strada”: “Le chiacchiere non ti faranno bene, perché ti porteranno proprio a questo spirito di distruzione nella Chiesa. Segui me! E’ bella questa parola di Gesù, è tanto chiara, è tanto amorosa per noi. Come se dicesse: Non fate fantasie, credendo che la salvezza è nella comparazione con gli altri o nelle chiacchiere. La salvezza è andare dietro di me. Seguire Gesù! Chiediamo oggi al Signore Gesù che ci dia questa grazia di non immischiarci mai nella vita degli altri, di non diventare cristiani di buone maniere e cattive abitudini, di seguire Gesù, di andare dietro Gesù, sulla sua strada. E questo basta!” (Radio Vaticana).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *