Vacanze finite per Benedetto XVI

Se è possibile chiamarle davvero “vacanze” – vista la mole di impegni –, allora anche quelle del Papa sono terminate. Il Pontefice, infatti, ha salutato e ringraziato in questi giorni i dipendenti delle Ville Pontificie di Castel Gandolfo, la cittadina laziale che ormai da più di 400 anni ospita il Successore di Pietro durante il periodo estivo. “Il mese di settembre, – ha ricordato Benedetto XVI – che ormai sta alle nostre spalle, è sempre il tempo di un positivo rilancio, dopo le ferie estive. Per i vostri bambini e ragazzi è ricominciata la scuola. Per tutti voi è ripreso il lavoro più intenso ed assiduo”. Anche la Chiesa si prepara a celebrare l’Anno della Fede, un particolare avvenimento pastorale indetto da Papa Ratzinger per il prossimo 11 ottobre, perché – come ricorda il Papa stesso nella Lettera Apostolica Porta fidei “nessuno diventi pigro nella fede… compagna di vita che permette di percepire con sguardo sempre nuovo le meraviglie che Dio compie per noi”.

Sta per partire, così, un nuovo anno pastorale carico di iniziative e particolari avvenimenti che metterà in gioco tantissime comunità cristiane sparse per il mondo, impegnandole nel difficile compito di trasmettere la fede. “Vediamo ormai vicini, poi, – ricorda il Pontefice ai cittadini laziali di Castel Gandolfo – alcuni eventi molto significativi: penso alla mia imminente visita a Loreto, con la quale desidero ricordare il 50° anniversario del pellegrinaggio del Beato Giovanni XXIII, compiuto a quel Santuario mariano per affidare a Maria il Concilio Ecumenico Vaticano II; penso al Sinodo dei Vescovi, che rifletterà sulla nuova evangelizzazione nell’oggi della Chiesa e del mondo; e infine – nel 50° dell’inizio del Concilio – all’apertura dell’Anno della fede, da me indetto per aiutare ogni uomo a spalancare il proprio cuore e la propria vita a Gesù Signore e alla Parola di salvezza”.

Quelle del Papa – nonostante il ritmo minore delle attività e degli impegni della Curia Romana – sono, in realtà, vacanze di lavoro. Nel corso di questo periodo estivo Benedetto XVI ha potuto, infatti, concludere il terzo volume della trilogia dedicata alla Vita di Gesù, che verrà presto pubblicato dalla Casa Editrice Rizzoli. Ancor più impegnativo, per l’ottantacinquenne  Pontefice, il viaggio pastorale in Libano e la firma dell’Esortazione Apostolica postsinodale Ecclesia in Medio Oriente; “Un Viaggio – dichiara il Papa – che ho fortemente voluto, nonostante le circostanze difficili, considerando che un padre dev’essere sempre accanto ai suoi figli quando incontrano gravi problemi”.

Benedetto XVI rientrerà in Vaticano nel pomeriggio di lunedì 1° ottobre per dare il via ai primi impegni ecclesiali legati all’Anno della Fede. “La Vergine Maria, – conclude il Pontefice – Madre della Chiesa e Madre nostra, che invocheremo fiduciosi nel prossimo mese di ottobre con la recita quotidiana del santo Rosario, vi protegga sempre e vi sostenga nel realizzare tutti i propositi di bene che portate nel cuore”.

Pubblicato su Vatican Insider

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *