I clown ospedalieri per la donazione di midollo osseo

Tremila volontari clown ospedalieri – appartenenti alla Federazione “Viviamoinpositivo” (VIP) Italia Onlus – coloreranno nei prossimi giorni le principali piazze d’Italia per una giornata di sensibilizzazione alla donazione di midollo osseo. Sabato 22 settembre i clown di corsia insieme ai volontari di ADMO (Associazione Donatori di Midollo Osseo) si impegnano – con spettacoli, stand e tanta allegria – ad informare la cittadinanza sul valore di questo prezioso “dono”, offrendo anche la possibilità di farsi tipizzare il giorno stesso, grazie alla presenza di emoteche con medici e personale addetto. Con un semplice prelievo di sangue (utile per ricavarne in seguito il DNA), infatti, il donatore entrerà a far parte di una banca dati universale, e nel caso in cui il suo midollo risultasse compatibile con un’altra persona bisognosa verrà contattato per una eventuale donazione. L’età per la tipizzazione va dai 18 ai 40 anni, ed è possibile donare il midollo osseo fino ai 55 anni di età.

A sottolineare l’importanza di questa importante manifestazione – con il patrocinio del Ministero della Salute – i volontari clown ospedalieri, il cui servizio – svolto negli ospedali e nelle strutture sociosanitarie di tutta Italia e anche all’estero – è quello di sostenere dal punto vista psicologico le persone che vivono un disagio, usando gli strumenti della clownterapia, attraverso l’utilizzo di specifiche tecniche teatrali e circensi. Fu Hunter «Patch» Adams, il famosissimo medico statunitense, a ideare questa particolare terapia olistica, che pone su un unico piano gli aspetti fisici, mentali, emotivi e spirituali dell’ammalato. “Il clowning – afferma Adams – è un contesto per tirare fuori l’amore in ogni situazione. Ora ci sono professionisti, clown dottori. Ma non devono esserci regole che impediscano agli altri di portare gioia negli ospedali. Per farlo non è necessario avere un diploma. E’ importante portare amore e humor a un paziente ma non basta”.

Personaggio scomodo e rivoluzionario, l’eclettico dottore statunitense diventa famoso grazie al film «Patch Adams» interpretato da un brillante Robin Williams. Un ritratto cinematografico che però Adams – a parte l’episodio relativo alla bocciatura ad un esame per eccessiva letizia e la folle decisione di riempire una vasca di spaghetti per assecondare il desiderio di una malata terminale – non ha mai ritenuto fedele alla sua persona. Da 40 anni il dott. Adams continua a ripetere a se stesso e al mondo queste parole: “Tutto il mondo è in grande sofferenza, c’è bisogno di giustizia e pace. L’amore è un concetto che si è perso. Non è solo un sentimento, non è una bella sensazione nella pancia, ma una materia complessa, intelligente e importante […]. Bisognerebbe insegnarlo nelle scuole, un’ora al giorno, cinque giorni a settimana, per tredici anni, come la matematica. Io intanto insegno ai dottori la cura del malato. L’assistenza e la compassione. Elementi necessari, come le medicine, più delle medicine”.

Per dedicarsi a questo particolare servizio sociale, oltre al tempo e alla buona volontà, è necessaria una preparazione specifica iniziale. I volontari VIP ricevono, infatti, una formazione base che spazia dall’ambito igienico‐sanitario, fino a quello psicologico, oltre naturalmente a una specifica formazione per quanto riguarda le tecniche clown, di micromagia e giocoleria, comunicazione verbale e non verbale, favolistica, etc.  Al termine del corso di formazione il tirocinante viene accompagnato in corsia da volontari già “formati”, per imparare a mettere in pratica le tecniche apprese durante la formazione.

Il trapianto di midollo osseo – recita la locandina dell’ADMO che promuove l’iniziativa del prossimo 22 settembre – è l’unica speranza di vita contro le leucemie ed altre malattie ematologiche.
Solo un malato su quattro ha accanto a sé un fratello compatibile, per tutti gli altri la probabilità di trovare un donatore compatibile nella popolazione mondiale è soltanto 1 su 100.000. E’ una sfida che nei prossimi giorni possiamo raccogliere tutti! “E’ bello afferma Patch Adams – svegliarsi la mattina sapendo perché”.

Pubblicato su Korazym.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *