La Messa del Papa in Plaza de la Revolucion: la Chiesa deve contare sulla libertà religiosa

Probabilmente è ancora prematuro tracciare i bilanci di questo 23° viaggio apostolico del Papa fuori dall’Italia; non possiamo, però, trascurare il successo e la massiccia partecipazione del popolo latinoamericano allo straordinario evento ecclesiale e il notevole risalto sottolineato dalla stampa locale. Persino a Cuba i giornali dedicano la prima pagina all’illustre ospite, con la benedizione del “Lider Maximo”, Fidel Castro, che testualmente e di suo pugno fa sapere: “Sarò lieto d’incontrare Sua Eccellenza Papa Benedetto XVI, come feci nel 1998 con Giovanni Paolo II: un uomo al quale il contatto con i bambini e con gli umili cittadini del popolo suscitava invariabilmente sentimenti di affetto. Così ho deciso di chiedere qualche minuto del vostro tempo così oberato di impegni quando ho saputo per bocca del nostro ministro degli Esteri Bruno Rodriguez che vorrebbe mettersi in contatto con questo semplice e modesto… Fidel Castro Ruz”. Continua a leggere qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *