Acqua a luce bianca: quando la truffa mischia new age e creduloneria

Semplice acqua di rubinetto spacciata per bevanda miracolosa, proveniente dai santuari mariani di Lourdes, Fatima e Medjugorje capace di guarire da qualsiasi disturbo o malattia grave. E’ l’ultima fra le più eclatanti frodi scoperta nelle città di Ancona, Milano, Venezia e Bari che ha portato all’arresto di una biologa e 38 persone con l’accusa di associazione per delinquere, truffa, lesioni ed esercizio abusivo della professione. I malcapitati – almeno 500 persone provenienti da tutte le parti d’Italia e appartenenti a diverse fasce di età e classe sociale – erano convinti che la terapia a base di “Acque a Luce bianca” (così veniva denominata la pozione miracolosa) potesse davvero risolvere il problema della loro malattia. Continua a leggere qui.

0 thoughts on “Acqua a luce bianca: quando la truffa mischia new age e creduloneria

  1. Il punto e’che siamo sempre piu’deboli e, percio’semprepiu’esposti
    a incontrrare persone, senza scrupoli che fa leva sulla nostra debolezza.Dovremmo invece imparare,a non cadere vittime di chi vuole guadagnare sfruttando nell’ambito religioso!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *