Il coraggio di una scommessa!

“Dio esiste o Dio non esiste. Per quale di queste due ipotesi volete scommettere? / Per nessuna delle due. La risposta giusta è non scommettere affatto. / Vi sbagliate. Puntare è necessario, non è affatto facoltativo. Anche voi siete incastrato” (B. Pascal).
Blaise Pascal – l’autore di questo piccolo ed insidiosissimo dialogo – non sembra lasciare molta chance a chi ha deciso di non preoccuparsi dell’esistenza di Dio! E’ molto più comodo – come suggerisce l’interlocutore del celebre filosofo francese – non “scommettere affatto”, dichiarando la propria neutralità di fronte a questa divina incognita che ci costringerebbe a lavorare tutta la vita!
Il coraggio di scommettere! Ecco il nostro vero problema!
Si preferisce, talvolta, rimanere nel dubbio piuttosto che imparare a cercare la Verità.
“Quid est veritas!”. Che cos’ è la verità, s’interroga Pilato guardando il volto mansueto e autorevole del Cristo che gli sta davanti. Eppure, caro Pilato, se anche tu fossi andato un po’ più oltre il limite delle tue certezze e delle tue conoscenze! Sarebbe bastato alzare lo sguardo verso il Nazareno per risolvere questo indiscutibile dilemma!
cogitor

Dio esiste o Dio non esiste. Per quale di queste due ipotesi volete scommettere? / Per nessuna delle due. La risposta giusta è non scommettere affatto. / Vi sbagliate. Puntare è necessario, non è affatto facoltativo. Anche voi siete incastrato (B. Pascal).
Blaise Pascal – l’autore di questo piccolo ed insidiosissimo dialogo – non sembra lasciare molta chance a chi ha deciso di non preoccuparsi dell’esistenza di Dio! E’ molto più comodo – come suggerisce l’interlocutore del celebre filosofo francese – non “scommettere affatto”, dichiarando la propria neutralità di fronte a questa divina incognita che ci costringerebbe a lavorare tutta la vita!
Il coraggio di scommettere! Ecco il nostro vero problema!
Si preferisce, talvolta, rimanere nel dubbio piuttosto che imparare a cercare la Verità.
“Quid est veritas!”. Che cos’ è la verità, s’interroga Pilato guardando il volto mansueto e autorevole del Cristo che gli sta davanti. Eppure, caro Pilato, se anche tu fossi andato un po’ più oltre il limite delle tue certezze e delle tue conoscenze! Sarebbe bastato alzare lo sguardo verso il Nazareno per risolvere questo indiscutibile dilemma!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *