Liechtenstein, bocciata la proposta a favore dell'aborto

I cittadini del Liechtenstein hanno bocciato la proposta di legalizzare l’interruzione volontaria della gravidanza. Il 52,3% della popolazione – con il referendum del 18 settembre scorso – ha detto “no” alla richiesta di depenalizzazione dell’aborto (47,7% i “sì”).
Il testo di legge proposto dal referendum prevedeva la depenalizzazione dell’interruzione di gravidanza entro le prime 12 settimane, con il diritto di abortire – superato questo termine – nei casi di grave rischio di handicap fisico o mentale per il feto. Continua a leggere qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *