Libia, per i missionari la situazione è insostenibile

Molti cittadini libici e le numerose comunità di migranti che vivono gli ultimi focolai di guerriglia urbana pro e anti regime sono in situazione di pericolo.

Nonostante siano cessati gli scontri a fuoco e i violenti bombardamenti – riferisce ai microfoni di Misna, padre Allan Arcebuche, missionario filippino e responsabile di progetti della Caritas a Tripoli,– “regna un clima di tensione e di psicosi, mentre aumentano per gli abitanti le difficoltà a reperire generi di prima necessità”. Continua a leggere qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *